L’occhio e lo smartphone. Puntata 12

Pubblicato il 29 novembre 2013 in Fotografia digitale, L'occhio e lo smartphone, Smartphoneography, Tutorial da

Credo che il dibattito “quale tra gli smartphone di ultima generazione sia il migliore” non possa avere un vincitore assoluto. È una situazione paragonabile a quella del’automobile: ci abituiamo in fretta ai pregi della nostra vettura e troviamo immancabilmente i difetti in quelle altrui, a meno che non siano della stessa marca. Cosi Dan Rubin, fotografo, designer e collaboratore del britannico The Guardian, ha preso in considerazione per una serie di test comparativi (naturalmente sotto il punto di vista delle capacità fotografiche) quattro modelli di smartphone: Apple iPhone 5S, Nokia 1020, Samsung Galaxy S4 Zoom e Sony Xperia Z1.

Il test è stato suddiviso in una serie di confronti:

Confronto Ergonomico. In questo test il Samsung Galaxy S4, con il suo zoom ottico che fuoriesce come una fotocamera compatta, si discosta completamente da un cellulare tradizionale e sembra essere per ingombro e peso più una macchina fotografica con telefono.

Confronto Range Dinamico. La prova è stata compiuta attraverso la registrazione di una ampia gamma tonale dai bianchi ai neri. Secondo Rubin risultano leggermente superiori in questo test i modelli Lumia 1020 e iPhone 5S, quest’ultimo però con funzione HDR attivata.

Confronto Resa Colore. Le immagini sono state scattate con luce piatta, cielo coperto e nessun contrasto. I risultati ottenuti con Sony Xperia Z1 e Nokia Lumia 1020 sono forse quelli più vicini alla realtà.

Confronto Zoom. Meglio fra tutti il Nokia Lumia 1020, che con lo zoom alla massima estensione è stato in grado di produrre immagini incise e perfettamente stabilizzate.

Confronto in Low-Light. Basso livello rumore e buona resa dei colori danno vincente il Samsung Galaxy S4.

ll Verdetto. Dan Rubin, che personalmente è possessore di un iPhone 5S, arriva alla conclusione secondo la quale lo smartphone di Apple non presenta problemi in alcuna condizione. Tuttavia ciascun modello conferma di possedere importanti caratteristiche diverse l’uno dall’altro, in omaggio alla necessaria differenziazione di mercato, facendo pertanto diventare la scelta una questione di preferenza puramente personale. A ben vedere, un po’ come accade anche nel comparto delle fotocamere vere e proprie.

Vorrei aggiungere un mio personale giudizio, non tanto strettamente tecnico quanto inerente la filosofia della smartphoneography.

Se dal punto di vista fotografico lo smartphone diviene una vera fotocamera con zoom ottici, supercontrolli e obiettivi aggiuntivi, ecco che cambia completamente l’approccio, l’immediatezza e quel sapore che anche una foto tecnicamente non perfetta possiede se il momento è stato fermato per sempre, sia esso un ritratto, una scena di strada o altro.

Nel valutare un possibile acquisto di smartphone, forse sarebbe utile tenere a mente anche questo.

Share