Lumix GX7, nata per la street photography

Pubblicato il 1 agosto 2013 in Fotocamere Mirrorless, Micro Quattro Terzi, Panasonic da

Panasonic Lumix GX7 | Fotoguida.itPanasonic rinfresca la linea premium X delle proprie fotocamere mirrorless con la nuova Lumix GX7, modello che riprende il progetto indovinato della precedente GX1 con alcuni interventi mirati a partire da un nuovo sensore che, pur lasciando invariata la risoluzione di 16 megapixel, promette performance migliori in termini di resa dei colori e riduzione dei disturbi in condizioni di scarsa illuminazione, quando viene in aiuto anche la funzione Low Light AF che spinge la capacità operativa dell’autofocus fino a -4 EV.

Rinnovato anche il display LCD touch posteriore, ora inclinabile e dotato di una risoluzione di 1.040.000 punti, che viene abbinato a un mirino elettronico integrato, anch’esso inclinabile di 90 gradi, che in precedenza era disponibile solo come accessorio esterno opzionale.

Più veloce anche l’otturatore, fino a 1/8000 di secondo, mentre la sensibilità è generalmente aumentata passando da un minimo di 200 ISO (125 in modalità estesa) a un massimo di 25600 ISO. Nel 2013 non può mancare la connettività, e allora ecco che la Lumix GX7 implementa Wi-Fi e NFC. Potenziato anche il comparto video, ora capace di riprendere filmati Full HD 1920 x 1080 a 50p/50i in formato PAL e 60p/60i in formato NTSC.

Uno sguardo infine al design, che si inserisce nell’attuale tendenza “retro” che strizza l’occhio alle fotocamere a telemetro di un tempo rese celebri dai praticanti di street photography: e proprio a questi ultimi è dedicata la funzione di scatto silenzioso che, combinata con le dimensioni compatte dell’apparecchio, rende la Lumix GX7 ideale per riprese discrete in ogni situazione.

La scheda completa delle caratteristiche tecniche della Panasonic Lumix GX7 è consultabile sul comparatore di Fotoguida. L’apparecchio sarà commercializzato in Italia a partire da ottobre 2013 al prezzo previsto al pubblico di 1.000 euro solo corpo.

Share