Le corde dell’anima: libri, musica e workshop fotografico a Cremona

Pubblicato il 13 maggio 2013 in Concorsi fotografici, Eventi e manifestazioni da

Le corde dell'anima festival a Cremona | Fotoguida.itLe corde dell’anima: così si intitola il Festival che per il quarto anno consecutivo accende Cremona permettendo l’incontro con letteratura e musica, apprezzato l’anno scorso da 60mila spettatori. Dal 31 maggio al 2 giugno 2013 sono programmati 42 appuntamenti, tutti gratuiti, comprese tre anteprime mondiali, con la possibilità di confrontarsi con la cultura di una ventina di Paesi. In quest’ambito è prevista la nuova iniziativa “Diventa fotografo del festival!”, che offre la possibilità di vivere l’atmosfera del Festival stando a stretto contatto con scrittori, musicisti e attori, protagonisti dei tre giorni a Cremona in un insolito intreccio tra letteratura e musica.

Le corde dell'anima festival a Cremona | Fotoguida.itTra le anteprime sono in cartellone il Premio Pulitzer Paul Harding, che sul palco di piazza del Duomo legge pagine dal suo prossimo libro, “Eron”, cimentandosi anche alla batteria, con l’accompagnamento di Tony Bowers al basso; Tess Gerristen che debutta con il nuovo romanzo, “L’ultima vittima”, mostrandosi nell’inedita veste di violinista; Karim Miskè, che presenta il suo singolare noir “Arab Jazz” ambientato nella Parigi multietnica, la cui atmosfera è ben restituita dalle note jazz di Rita Marcotulli e Luciano Biondini. Tra gli altri ospiti troviamo Sergio Alvarez, Tim Parks con Alice; le scrittrici spagnole Alicia Gimenez Bartlett e Clara Sanchez, accompagnata dalla voce di Antonella Ruggero e dalle letture di Federica Fracassi. E ancora, Daria Bignardi, che nella sua “Acustica perfetta” narra di un violinista accompagnata da Uto Ughi; Lella Costa che dialoga con Pacifico; Pupi Avati accompagnato dalla tromba di Paolo Fresu; Salvatore Niffoi, che racconta la grande amicizia con Fabrizio De André, insieme a Dori Ghezzi e il figlio Cristiano; Gianni Mura, che svela le sue passioni in “Tanti amori”, in uscita a breve, accompagnato dalla chitarra di Ricky Gianco.

Sono dunque tanti – e molti di più di questi citati – gli incontri che potrà fare chi andrà a Cremona, armato di macchina fotografica. Inoltre il workshop offrirà la possibilità di passare una giornata su un set fotografico per scattare e cimentarsi con il ritratto in studio, sotto la guida dei docenti Lorenza Daverio e Pietro Scapin, che da anni fotografano artisti del mondo dello spettacolo italiano e internazionale.
Per poter partecipare al workshop – i posti sono limitati – è necessario inviare il proprio portfolio con una selezione di non oltre 20 foto, entro il 20 maggio, all’indirizzo daverioscapin@gmail.com.

Il Festival si propone dunque di far vibrare le corde dell’emozione. Ma non solo. Perché da una indagine risulta che gli investimenti fatti in cultura ritornano nella proporzione di 1:7. I giovani volontari che animano la manifestazione diventano forti lettori, con oltre dodici libri all’anno. La stessa passione non momentanea si può ipotizzare susciterà il workshop fotografico sulle orme di letteratura e musica.

Ulteriori informazioni e aggiornamenti sul sito della manifestazione all’indirizzo www.lecordedellanima.it

Share